PONARO

No gò altro, stavolta

che na longa strachìsia

dei boni costumi

dee voxi  da vece comàri

che tuto tamisa

e no assa sta testa

far paxe co a pansa.

Podesse inpiocàrme

na s-ciànta, debòto,

inte el vecio ponaro

e asàr che sto mondo

cascasse pì tardi

magari deà dal portèo

che scònde a gombina

al sùsio che tuto scombina.

 

Epùr, regina dei mari,

pol darse che gnanca pì tardi

gnente se fasa darente

e tuto sto altro voxàr

no sia che un modo de scondar

soto l’ombra dee stèé

un omo desbatezà da chei ciari

che tì te assi che i vaga

co tì te me vardi

e mi parlo de scapinèé:

so de essar finìo al cào

del me saverte ciamàr.

Go a grassia de chi smete de còrar

pa ‘ndàr gatagnào.

 

It.

Non ho altro, stavolta / Che una lunga stanchezza / dei buoni costumi, / delle voci da vecchie comari / che filtrano tutto  / e non lasciano che questa testa / faccia pace con la pancia. / Potessi ripararmi, / un poco, fra poco, / dentro al vecchio pollaio / e lasciare che questo mondo / caschi più tardi / magari al di là del portello / che nasconde la gombina / al freddo vento che tutto sconvolge. / Eppure, regina dei mari, / può darsi che nemmeno più tardi / niente si faccia vicino / e tutto quest’altro vociare / non sia che un modo di nascondere / sotto l’ombra delle stelle / un uomo meravigliato da quelle luci / che tu lasci che vadano / quando mi guardi / ed io parlo scalzo: / so di essere finito al lembo / del mio saperti chiamare. / Ho la grazia di chi smette di correre / per andare a gattoni.

Annunci