I 5 CARATTERI DELL’SDA (SAPIENTE DA OMBRE).

Post ad alto contenuto dialettale.

E dopo, ghe xè quei che sa.

Beh, te dixi, poco mal, no?

E invesse…

Parché el primo fondamentae inderogabie carattere de uno che sa, xè che el sa.

Ma cossa sa? Prima de tuto che ti no te sa, o almeno no te sa quanto lù. Fine.

Questo comporta, come corollario, che lu gà da parlar co tì par farte capir:

a)      Che lu sa

b)      Che ti no te sa

c)       Cosa che lu sa e che tì no te sa [e che spesso se avvicina a tuto el scibie dell’orbeterraqueo (queo che sa desso dixarìa: ma sta paroea no xè in diaetto, aseno! Apunto…)]

Secondo carattere fondamentae de queo che sa (che par semplicità da desso ciamo QCS) xè che el pensa de farte un piaxer; come a dir: ecce homo! (vedi obiession de prima)

imagesCAGPJJV4

Sapienza – Jacopo Della Quercia

E quindi no pol entrar nel so orisonte de senso che tì no te o scolti o che pitosto de scoltarlo te vardarissi a pitura che se suga su pal muro. El se ofende, con snobismo.

Come a dir: poro grebanato che no te sì altro, te gà l’ocasion de trovarme pronto a spiegarte e robe, e no te me scolti??? Eora te sì aseno e aseno te gà da morir.

Va ben! Moro aseno (che par altro gà anca na caratteristica, eà soto, che podarìa farme comodo…), tì cossa te ne frega? Semo a scuoea? Situ me pare? Te gò domandà?

No, calma, come cossa me ne frega? Speta che te spiego.

E te si ciavà n’altro colpo… parché el terso carattere fondamentae de uno che sa zè a costansa.

Xè come a dermatite, tì te meti a crema, ma quea torna. Incurante dei progresi de l’arte medica, quea a matina co te te sveji, a xè là.

E a te varda.

E a ride.

Eco, ti te pensi de verghe fato capir, no gò caro de scoltar a to sciensa… capisso che dio te ghe ne gà dato mastee intiere, ma no me ne ciava un c*s*o, ve ben?

Cioè, sarìa chiaro par tuti, anca un fiatìn volgare, se voemo, ma no ghe xè equivochi, no?

E invesse…

Parché el quarto caratere fondamentae de uno che sa, xè l’univocità: infatti, savendo iu e no savendo tì, come xè posibie che ti te possi insegnarghe qualcosa, fuse anca el posto dove te o vorissi mandar?

Impossibie. QCS podarìa benisimo dimostrarteo, magari co a prova ontologica de santanselmo soll’esistensa de dio.

“Sicome mì poso pensar un esere che sa (e son mì), se mi no esistesse no podaria pensarme, quindi esisto”.

E el beo xè che qualcuno ghe dà raxòn. Parché el quinto e finae caratere peculiare e inderogabie de QCS xè el cueo. Nel senso de fortuna. QCS gà sempre torno qualcuno che ghe dà raxòn. No che a QCS ghe interese pì de tanto, xè che sti fondamentaisti de a SDA (“sapiensa da ombre”) i evita che QCS ciape na bea batùa, unica vera e funsionae obiessiòn aa prova di cui sopra.

Mi quei che sa no i soporto… se capiva, vero? Ben desso o gò dito.

Annunci