EL ME LAIK A FEISBÙC
 
Ma che beo che xè feisbùco
che el ghe assa al pì bauco
ogni note ogni dì
metar i puntini sora e “i”.
Sentà so a so poltrona
noveo Bellavista
a ùn ghe da del mona
a staltro del fasista.
Xè na vergogna! Struché qua!
Ve digo a vera verità
che i potenti abufini
ghe nasconde ai citadini:
scie chimiche, imigrài,
quanto schifo fa l’espò,
poitici strapagài
e ricordemose i marò!
Quanto bea sta libertà
che co un maus e na tastiera
sensa esar mai becà
te permete de far guera.
E co i proclami e i paroeoni
che te inpenisse a boca
te pol romparghe i cojoni
anca a quèo che nesùn toca.
Lota dura sensa paura
in onor de a democrasia…
Pecà che invese a dura
quanto un’ombra in ostaria.
 
Ma no ghe ne faso na pasiòn
dopo tuto te confeso
xè a mejo aplicasiòn
che dio zuckemberg gà meso.
Annunci